Italiana in Canada: il cottage sul lago

Durante la mia lunga vacanza canadese, ho trascorso quattro giorni in un cottage su un lago chiamato Shadow Lake, con le mie amiche Z e R. A parte che pareva il copione di un film horror e io sono facilmente impressionabile (troppi episodi di “Criminal Minds”!), sono stati quattro giorni di perfetta estate canadese.

Trascorrere l’estate in un cottage significa indossare sempre e solo pantaloncini e costume, leggere in veranda o sul moletto privato con una tazza di caffè, nuotare nel lago, dondolarsi pigramente sull’amaca mentre il sole estivo filtra tra dalle fresche frasche. Vi dirò, il percorso dal letto alla veranda al molo è assai più piacevole del mio abituale commute Haggerston-London Bridge.

Al cottage ho imparato che si può cucinare quasi tutto sul barbecue o sul fuoco e tutto avrà un sapore migliore. Ho imparato che se il vento ti soffia il fumo addosso devi strillare “White rabbit!” e sventolare le mani per mandarlo via; di sicuro c’è uno studio scientifico dietro! Ho finalmente assaggiato gli s’mores, marshmallow arrostiti sul fuoco e messi tra due biscotti al miele e un pezzetto di cioccolato a mo’ di panino, cosi buoni che a pensarci sento un vuoto emotivo!

Abbiamo passato tutte le sere attorno al fuoco a chiacchierare, bere birra e guardare le stelle. Metteteci che davanti a cielo stellato perdo ogni dignità, aggiungeteci una stella cadente e un’Orsa Maggiore bella luminosa (che non si chiama Big Bear in inglese), e avete una me sul punto di sciogliersi!

Ci sono anche stati degli incontri con la fauna locale: abbiamo ricevuto una visita di benvenuto da un chipmunk (tecnicamente, scoiattolo striato americano); una coppia di ragni giganti (tecnicamente, orribili ragni schifosi) ha conquistato il territorio del molo la seconda sera e ci ha costrette a bere il nostro aperitivo serale in tensione, pronte a saltare in acqua in caso di attacco; una creatura sconosciuta ha fatto capolino nell’acqua in lontananza e ci piace pensare che fosse una lontra.

Canadian cottage deck
Il nostro molo, ora territorio dei ragni!

Se avessimo incontrato orsi vi assicuro che saremmo state preparate: a detta di una nonna canadese, gli orsi si spaventano con un acuto shoooo!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s